Blogs Lalibre.be
Lalibre.be | Créer un Blog | Avertir le modérateur

30/05/2014

Akku HP Pavilion dv4

Das vor kurzem vorgestellte Samsung Galaxy Tab 3 10.1 entspricht der dritten Generation der Samsung Tablets und wird im Gegensatz zum Samsung Ativ Tab 3 nicht mit Microsoft Windows 8, sondern mit Google Android als Betriebssystem. Das Mittelklasse Tablet soll in den nächsten Wochen in den Handel kommen.

Das Gehäuse aus Aluminium, Magnesium und Karbon – welches wir bereits vom Dell XPS 13 kennen – wird auch bei den neuen Ultrabooks XPS 11 und XPS 15 eine tragende Rolle spielen. Der Wiedererkennungswert ist sehr hoch und die optischen Unterschiede sind nahezu ausschließlich am Formfaktor zu erkennen. Bekannte Features wie die gute Chiclet-Tastatur, das große Multitouch-Trackpad und die Arbeitsumgebung mit Soft-Touch-Beschichtung bleiben also auch bei den neuen Modellen erhalten.
Dell XPS 11
Bereits zur Computex 2013 wurde das Dell XPS 11 vorab angeteasert. Ähnlich wie das Lenovo Yoga 11 zeigt der neue 11,6-Zoller eine 360 Grad Flip-Funktion. Der Nutzer kann die Tastatur also hinter den Bildschirm umklappen und das Ultrabook in ein Tablet verwandeln. Der neue Hybrid setzt allerdings auf eine beleuchtete Tastatur, die gewöhnungsbedürftig ist. Ähnlich wie beim Touch Cover des Microsoft Surface wird es keine Hardware-Tasten geben sondern nur noch ein berührungsempfindliches Feld. Ein Hub oder Feedback ist also nicht spürbar, weshalb Vielschreiber enttäuscht sein werden.
Dell Event: XPS 11 und XPS 15 Ultrabooks kommen mit QHD+ Display und Intel Haswell Prozessor (Bild 3 von 7)


Flexibel: Mit einfach Handgriffen soll das Dell XPS 11 vom Notebook in ein Tablet transformiert werden.
Dafür können sich die technischen Daten sehen lassen. Das Dell XPS 11 bringt ein QHD-Display mit einer Auflösung von 2.560 x 1.440 Pixel. Das Panel kommt mit der neuen IGZO-Technik von Sharp und soll es auf 350 cd/m² in Sachen Helligkeit bringen. Bei einem Gewicht von nur 1,1 kg wird die Bauhöhe mit 15 Millimeter angegeben. Die Akkulaufzeit soll bei 8 Stunden liegen. Als Prozessoren werden aktuelle Haswell-Chips der Intel Core i3 und Core i5 Serie verwendet. Ebenso werden verschiedene mSATA SSDs zum Einsatz kommen. USB 3.0, HDMI, Kartenleser und WLAN-n sind ebenso mit an Bord wie Bluetooth 4.0 und NFC.

Lange Laufzeiten dank Stromsparprozessor
Obwohl die Dell Inspiron 15z Ultrabook Serie Notebooks im 15,6 Zoll Formfaktor beherbergt, gelten diese teilweise auch als Ultrabooks. Verantwortlich dafür ist die Verwendung von Ultra-Low-Voltage (ULV) Stromsparprozessoren, je nach Konfiguration kommen ein Intel Core i3-3217U, ein Intel Core i5-3317U oder ein Intel Core i7-3517U zum Einsatz. Für den Arbeitsspeicher stehen Ausstattungsvarianten von 4 bis 8 GB DDR3 Speicher zur Auswahl. Auch für den Massenspeicher bietet Dell die Möglichkeit zur individuellen Konfiguration: Günstige Einstiegsmodelle kommen mit einem 500 GB Hybridlaufwerk mit 32 GB SSD Cache, wer mehr Geschwindigkeit benötigt kann auf reine SSDs setzen mit Kapazitäten von 128 oder 256 GB. Dank der ULV-Prozessoren erzielen die Modelle der Dell Inspiron 15z Ultrabook Serie bis zu 7 Stunden Akkulaufzeit.

Die Ultrabooks der Serie 9 aus dem Hause Samsung gehören schon längst zu den absoluten Spitzenprodukten im Premium-Segment. Eigentlich ist es aber ein Ultrabook, denn Samsung verzichtet auf einen Touchscreen. Das ist nicht schlimm, denn dafür verfügt es über einen matten Full HD Bildschirm, der ideal für längere, produktive Arbeiten ist. Das Samsung ATIV Book 9 900X3G K01 (NP900X3G-K01DE) steckt in einem edlen Gehäuse aus schwarz eloxiertem Aluminium, das mit nur 13,2 mm sagenhaft schlank ist und mit 1,13 kg zudem sehr leicht. Damit ist dieses Ultrabook einfach perfekt für Leute, die ein Notebook ständig mit sich führen müssen, es aber nicht merken wollen.
Auch die Akkulaufzeit wird solche Nutzer erfreuen, denn die liegt laut Samsung bei bis zu 8 Stunden. Die lange Laufzeit des Samsung ATIV Book 9 900X3G K01 (NP900X3G-K01DE) ist aber nicht auf eine schwache CPU zurückzuführen, denn der Intel Core i5-4200U aus Intels Haswell Reihe hat mittlerweile mehrfach bewiesen, dass er es auch mit Multimedia-Anwendungen aufnehmen kann. Der Dualcore taktet mit einer Frequenz zwischen 1,6 und 2,6 GHz und kann auf 8 GB DDR3 Arbeitsspeicher zurückgreifen, was auch für HDR- oder RAW-Bilder ausreicht. Mit der Intel HD Graphics 4400 ist eine der derzeit leistungsstärksten onboard Grafiklösungen verbaut, welche zwar shared memory nutzt, aber dennoch mit der Leistung vieler Einsteiger Grafikkarten mit dediziertem Speicher mithalten kann.
Ebenfalls sehr positiv muss der interne Speicher bewertet werden. Insbesondere unter Berücksichtigung der Tatsache, dass das Samsung ATIV Book 9 900X3G K01 (NP900X3G-K01DE) nur 1.149 Euro kostet, kann man mit dem internen Speicher der 256 GB SSD mehr als zufrieden sein. Das reicht nämlich locker, um neben der Microsoft Windows 8.1 Installation und einem großen Arsenal an Programmen noch etliche Dateien abzulegen. Zudem ist es erfreulich, dass neben WLAN und Bluetooth 4.0 auch Gigabit-Ethernet vorhanden ist. Vielschreiber werden sich außerdem über die beleuchtete Tastatur freuen. Der einzige Kritikpunkt bleibt vielleicht, dass weder DisplayPort noch VGA vorhanden sind, aber das ist Meckern auf sehr hohem Niveau.Das Samsung ATIV Book 9 Lite 905S3G ist das günstigste Modell der Samsung ATIV Book 9 Serie und gehört aufgrund der verbauten Hardware-Komponenten nicht zu den Ultrabooks. Dank AMD CPU und Kunststoffgehäuse konnte Samsung beim Preis erheblich einsparen und dieses Notebook weit unter dem Premium-Preis Segment positionieren.
In der Dell Inspiron 15z Ultrabook Serie werden 15,6 Zoll HD-Displays mit einer Auflösung von 1.366 x 768 Pixel verwendet. Um die Vorzüge des auf Toucheingaben spezialisierten Windows 8 Betriebssystems auszukosten, kann ein berührungsempfindlicher Bildschirm verbaut werden. Mit der Option auf eine diskrete Nvidia Geforce GT 630M Grafikkarte kann noch mehr Leistung bestellt werden, die Basiskonfiguration greift nur auf die stromsparende, integrierte Intel HD Graphics 4000 Grafikeinheit zurück. Für angemessenen Sound sorgen zwei Skullcandy Lautsprecher mit WaveMaxx Klangoptimierungen, für Videotelefonie sind neben der 1,0 Megapixel Webkamera zwei Mikrofone integriert.

Multimedia-Talent
In der Dell Inspiron 15z Ultrabook Serie werden 15,6 Zoll HD-Displays mit einer Auflösung von 1.366 x 768 Pixel verwendet. Um die Vorzüge des auf Toucheingaben spezialisierten Windows 8 Betriebssystems auszukosten, kann ein berührungsempfindlicher Bildschirm verbaut werden. Mit der Option auf eine diskrete Nvidia Geforce GT 630M Grafikkarte kann noch mehr Leistung bestellt werden, die Basiskonfiguration greift nur auf die stromsparende, integrierte Intel HD Graphics 4000 Grafikeinheit zurück. Für angemessenen Sound sorgen zwei Skullcandy Lautsprecher mit WaveMaxx Klangoptimierungen, für Videotelefonie sind neben der 1,0 Megapixel Webkamera zwei Mikrofone integriert.

Umfangreiche Ausstattung
Die 15,6-Zoller der Dell Inspiron 15z Ultrabook Serie bringen trotz eine schmalen Bauhöhe von 21 Millimetern und dem geringen Gewicht von 1,87 Kilogramm jede Menge Schnittstellen mit. Es finden sich insgesamt vier USB 3.0 Ports, einer dieser Ports kann mobile Geräte dank Power Share laden, auch wenn das Notebook ausgeschaltet ist. Über den HDMI-Ausgang können externe Bildschirme angeschlossen werden, für Headsets gibt es eine kombinierte Audiobuchse. Der 31-in-1 Kartenleser versteht sämtliche gängigen Formate. Für das optische Laufwerk stehen ein DVD- oder ein Blu-ray Laufwerk zur Auswahl. Kommuniziert wird über Gigabit-LAN, WLAN b/g/n oder Bluetooth 4.0. Eine Hintergrundbeleuchtung für die Chiclet-Tastatur rundet das Paket ab.Mit den Geräten der XPS M1730 liefert Dell eine Serie vollwertiger Deskop-Replacement-Notebooks aus, die sich durch ein großes Display und das flexible Angebot an Grafikkarten, Prozessoren, Arbeitsspeicher-Ausstattung und Festplattenkapazität hervorragend für die hohen technischen Ansprüche von Videospielen eignen.

Sollte einmal kein Netz in Reichweite sein, können verschiedene Apps - darunter auch Google Docs und Google Mail - offline installiert werden. Somit haben Sie auch ohne Verbindung ins Internet die grundlegendsten Funktionen parat. Alle Apps werden aus dem Google Chrome Web Store bezogen, der für solche Offline-Anwendungen eine eigene Sektion bietet. Hier finden Sie auch verschiedene Spiele und Tools für das Samsung Chromebook. An sich stellt das früher als reines Online-Betriebssystem bezeichnete Google Chrome OS also kein Hindernis im Arbeitsalltag dar. Lediglich die Leistung des verbauten Samsung Exynos 5250 Prozessors erzeugt bei einigen Anwendungen ein leichtes Ruckeln oder zeitversetzte Eingaben. Klassische Windows Programme lassen sich auf dem Chromebook nicht installieren.

Der entspiegelte 11,6 Zoll Bildschirm des Samsung Chromebook Serie 3 303C12 H01 verwendet eine Auflösung von 1.366 x 768 Pixel und bietet eine Ausleuchtung von 185 Candela pro Quadratmeter. Das Arbeiten bei direkter Sonneneinstrahlung ist hier trotz matter Display-Oberfläche nur bedingt möglich. In diesem Preisbereich können wir uns damit allerdings anfreunden. Die Akkulaufzeit in der Praxis lag bei unseren Tests zwischen 3-4 Stunden, je nach Szenario (Text, Video, Surfen). Maximal wurden 8 Stunden im Leerlauf ermittelt. Dank der Apps, die fast durchweg über das Internet geladen werden, kommt das Samsung Chromebook ohne Lüfter aus. Die Wärmeentwicklung ist marginal und teilweise nicht vorhanden, wobei das Gehäuse stets die Umgebungstemperatur annimmt. In unserem Fall 23 Grad Celsius.
Zusammenfassung

Samsung bestückt das Serie 5 530U4E mit dem Microsoft Windows 8 Betriebssystem. Unter den überschaubaren Zusatzapps wie Evernote und der Samsung Kamera-App findet sich auch Samsungs SW Update Programm. Dieses hilft, die Treiber und Software zu managen und immer auf dem neuesten Stand zu halten.Als Ultrabook muss das Samsung Serie 5 Ultra 530U4E einen stromsparenden ULV-Prozessor vorweisen. Samsung verbaut hierfür einen flotten Intel Core i5-3337U Prozessor mit 1,8 GHz Basistakt. Für fordernde Anwendungen steigert der Dualcore seinen Takt mittels Turbo auf bis zu 2,7 GHz. In Verbindung mit 4 GB Arbeitsspeicher reicht die Performance für Internet, Büroanwendungen und Multimedia. Der Arbeitsspeicher ist fest verlötet, an der Gehäuseunterseite kann der Ram über eine Wartungsklappe auf bis zu 12 GB erweitert werden um auch Videokonvertierungen oder umfangreichere Bildbearbeitungen zu beschleunigen. Gelegenheitsspieler dürfen sich über die AMD Radeon HD 8750M Grafikkarte freuen. Diese ordnet sich in der gehobenen Mittelklasse ein und erreicht in vielen modernen Spieletiteln spielbare Bildwiederholraten bei hoher Detailstufe. Für fordernde Titel wie Max Payne 3 muss in der nativen Auflösung von 1.366 x 768 Pixel auf die mittlere Detailstufe gewechselt werden. Für den Massenspeicher wählt Samsung die Kombination aus einer herkömmlichen 500 GB Festplatte mit einem 24 GB SSD Express Cache um Bootvorgänge und häufig genutzte Programme zu beschleunigen.

http://www.batteria-portatile.com Batteria del computer portatile

Falcinelli ha scritto un portolano del visual-design, un libro che in teoria avrebbe dovuto pubblicare prima della sua opera precedente -ben più specifica- dedicata ai rapporti tra neuroscienze e design. Ma, pensandoci bene, l’ordine è quello più giusto. Guardare, pensare, progettare. Neuroscienze per il design era l’esame di anatomia, lo studio del funzionamento dello sguardo. Critica portatile del visual-design è invece quello di fisiologia, ovvero lo studio di quello che succede mentre guardiamo. Ciò che nel primo era dato scientifico, nel secondo diventa posizione morale e politica. Falcinelli ha scritto un libro bellissimo e godibilissimo, indispensabile per chiunque decida di vivere nel nostro tempo."Il tablet che può sostituire il tuo laptop". Lo slogan cui Microsoft è ricorsa per annunciare anche in Italia il suo nuovo tablet, il Surface Pro 3 presentato ieri a New York, rende bene l'idea di come (e perché) il gigante di Redmond abbia effettuato un sostanziale restyling al suo computer a tavoletta, Una rivisitazione, quella che caratterizza il nuovo modello con chassis in magnesio, che punta tutto sulla potenza e sulla produttività, senza ovviamente rinunciare all'imperativo della portabilità e alla natura di strumento buono sia in ambito professionale che per l'intrattenimento. Qualcuno ha coniato per il nuovo nato l'improbabile neologismo "laplet": siamo di fronte a nuova frontiera del computer mobile? In Microsoft, ovviamente, ci sperano.L'iPad perde colpi negli Usa 
Stando alle ultime rilevazioni di Canalys, il venduto dei tablet nel primo trimestre 2014 è cresciuto "solo" del 21% per complessivi 50,8 milioni di unità spedite. L'incidenza delle tavolette sul mercato dei personal computer (client) è ora arrivata al 41%, superando quella dei tradizionali notebook (scesa al 38%). A dare continuità al boom della domanda hanno contribuito in particolare i Paesi del Middle East (100% di crescita a volume anno su anno), la Cina (74%) e l'Europa Centrale e dell'Est (47%).
Il mercato americano, invece, ha pagato il consistente calo di consegne dell'iPad, misurato nell'ordine del 40%; il calo su scala mondiale del tablet di Apple è stato invece del 16%, in virtù dei 16,4 milioni di pezzi spediti.

Per connetterci al nostro prodotto da Smartphone o Tablet basta utilizzare l’applicazione My D-Link Shareport ed inserire la password indicata nel foglio presente all’interno della confezione di vendita.

Il dispositivo è provvisto anche di una porta Ethernet che ci permette di condividere attraverso lo standard Wi-Fi una nostra connessione cablata, il tutto risulta essere davvero semplice ma soprattutto funzionale.

Dall’altra parte troviamo il tasto per cambiare dalla modalità ricarica alla modalità router (non è possibile utilizzare le due funzioni in contemporanea) ed il tasto per la generazione della nostra rete Wi-Fi.

Le caratteristiche tecniche 
La novità più importante del nuovo Surface è sicuramente a livello di display: rispetto all'orginale formato da 10,6 pollici della prima e seconda serie, il nuovo arrivato si presenta con uno schermo da 12 pollici a tecnologia ClearType, con una risoluzione Full Hd 2K da 2.160 x 1.440 pixel. La maneggiabilità del tablet, sulla carta, non sembra essere compromessa dall'aumento delle dimensioni, visto e considerato che il peso è contenuto nell'ordine degli 800 grammi. La porta Usb 3.0 e quella Mini Display, unitamente allo slot per microSd card, garantiscono invece la connettività con tutte le periferiche e le schede di memoria esterne compatibili.

Detto del sostegno integrato posizionabile a piacimento, dell'immancabile Type Cover (più larga delle precedenti) con tastiera e trackpad, della presenza a bordo del sistema operativo Windows 8.1 Pro (con relativo accesso alle applicazioni Office e al Windows Store) e di un processore Intel Core di quarta generazione (i3, i5 o i7 a seconda della configurazione), una seconda primizia di Surface 3 è la nuova penna digitale in alluminio, con 256 livelli di sensibilità di pressione. Prendere appunti, creare presentazioni o disegnare sull'interfaccia multitouch sarà più facile e veloce.

La disponibilità è data a partire dal mese di Luglio, mentre il prezzo di vendita non è stato ancora comunicato.Store. Sarà in vendita da giugno a 169 dollari.

GADGET E DEVICEAndroid
Floriana Giambarresi, 13 maggio 2014, 10:37
Archos presenta ArcBook, un nuovo computer portatile basato su Android e dedicato a coloro i quali desiderano un prodotto leggero, molto trasportabile e soprattutto dal prezzo estremamente conveniente: sarà infatti in vendita a 169,99 dollari, mentre il corrispettivo in euro non è ancora stato reso noto.Alimentato dal sistema operativo Android 4.2 Jelly Bean, Archos ArcBook è provvisto di un comparto tecnico di fascia medio-bassa che comprende un display multi-touch da 10,1 pollici con risoluzione di 1024 x 600 pixel, un processore dual core ARM Cortex A9 RK3168 da 1,2 GHz, 1 GB di RAM, 8 GB di memoria interna per l’archiviazione dei dati e una batteria da 8000 mAh. Supporta la connettività Wi-Fi e possiede due porte USB 2.0, un jack audio da 3,5 millimetri e un lettore di schede microSD.

Wireless Plus può essere acquistato in tre diverse versioni. Si va dal più economico taglio da 500GB a 149.99 $ ai 199.99 $ per quello da 2TB. A metà strada la versione da 1TB a 179.99$. Non esiste ancora un listino ufficiale per l’Italia, ma visti i prezzi USA e la spiccia conversione in euro cui siamo purtroppo abituati supponiamo che i prezzi saranno gli stessi anche nella nostra valuta.L’azienda GBC presenta un caricabatterie solare portatile per Smartphone e Tablet che potrebbe tornarvi davvero utile durante l’estate in arrivo, analizziamo il prodotto insieme.

Il dispositivo funziona grazie a cinque pile stilo incluse nella confezione di vendita che vengono ricaricate tramite i pannelli solari integrati nell’accessorio a costo zero e soprattutto utilizzando energia sostenibile.

Il prodotto è dotato ovviamente di una porta USB in cui possiamo collegare il nostro cavo e ricaricare Smartphone, Tablet, Fotocamere eccetera, non vengono dichiarate le specifiche e quindi non sappiamo i tempi di ricarica e la potenza d’uscita dell’energia ma cercheremo presto di avere il prodotto in test per far luce sulla situazione.

Il caricatore in questione risulta essere davvero molto portatile grazie alle sue dimensioni di 168 x 108 x 28 millimetri e soprattutto grazie alla chiusura “a valigia”.

La Surface Pen, fanno notare da Microsoft, è un po' il simbolo della produttività del nuovo tablet: basta infatti un click per aprire il programma OneNote e una volta digitate le note queste vengono automaticamente salvate. Un doppio click sul retro della penna permette invece di catturare uno screenshot o un'immagine visualizzata sullo schermo. Alla voce foto e video (in alta definizione 1080p), invece, ci pensano le due fotocamere, frontale e posteriore, con sensore da 5 megapixel.

Il prezzo e il posizionamento di mercato 
Quanto ai prezzi, Surface Pro 3 è già in pre ordine sul sito di Microsoft Italia a partire da 819 euro (negli Usa il costo di ingresso è fissato a 799 dollari) e sarà in vendita in Italia da agosto. Gli accessori sono esclusi: Type Cover e penna dovrebbero costare nell'ordine dei 130 e 50 euro rispettivamente.
Microsoft ha quindi deciso di attaccare seriamente una fascia di mercato che non ha trovato negli ultrabook (almeno finora) il prodotto di riferimento. Il nuovo tablet costa in buona sostanza poco più di quello di seconda generazione (il Surface 2 Pro entry level è attualmente a listino a partire da 889 euro ma con un processore Core i5 nel motore) e circa il doppio del Surface 2 Rt (con chip Arm e l'edizione meno completa del sistema operativo).

Oltre alle funzioni appena citate possiamo anche alimentare una chiavetta 3G/LTE e sfruttarne la connessione in mobilità oppure ancora leggere attraverso l’applicazione i file presenti in una memoria esterna USB.

Tutte queste funzioni sono racchiuse in un solo prodotto che costa circa 120 euro, durante i nostri test siamo rimasti pienamente soddisfatti delle prestazioni e delle funzionalità che, soprattutto per chi viaggia molto, rendono davvero più semplice il nostro lavoro all'esterno.Vi lasciamo ora alla nostra video recensione del dispositivo in cui vi mostriamo il funzionamento completo, buona visione!

La confezione di vendita comprende il nostro dispositivo, manuali guida, CD con il software per il nostro PC e caricatore da parete.Internamente troviamo una batteria da 4000 mAh che serve sia per alimentare il prodotto sia per caricare i nostri dispositivi sfruttando le due porte USB poste sul lato.

28/05/2014

Batteria Dell inspiron n5010

Il mobile rappresenta la nuova frontiera tecnologica anche per i medici di medicina generale: il 61% dei medici utilizza un PC portatile per svolgere la propria professione al di fuori dello studio, il 51% uno smartphone e il 35% un tablet. E' quanto emerge da una ricerca dell'Osservatorio Ict in sanita' della School of Management del Politecnico di Milano presentata a Bologna in occasione di Exposanita', unica manifestazione in Italia dedicata ai temi della sanita' e dell'assistenza.
I nuovi mezzi tecnologici servono per l'invio di certificati di malattia online, come avviene gia' per il 28% dei medici di Medicina generale. Seguono la gestione della scheda individuale del paziente e i sistemi a supporto delle visite a domicilio su smartphone e tablet (15%). Oltre alle soluzioni per i professionisti, la ricerca mette in evidenza come le aziende sanitarie stanno ponendo forte attenzione allo sviluppo di applicazioni che consentano ai cittadini un accesso multicanale ai servizi e alle informazioni sanitarie, non solo tramite sito web, ma anche grazie all'utilizzo di dispositivi mobili (smartphone e tablet) e totem. Tra i servizi piu' diffusi ci sono il download dei referti (offerti in modalita' multicanale nel 24% delle aziende campione) e le applicazioni che consentono ai cittadini di prenotare e pagare le prestazioni online. (AGI) Ari .Il Dynabook Kira L93 è uno dei notebook più interessanti in circolazione, peccato che probabilmente non lo vedremo in Italia. Se volete lucidarvi gli occhi però guardate le immagini e leggete le caratteristiche. Questa gamma di portatili è celebre per l'alta qualità costruttiva, per le prestazioni elevate e l'autonomia da record. Con questo modello Toshiba ci ha aggiunto una versatilità che non abbiamo mai visto, nonostante i vari esperimenti di design dei produttori.Il Dynabook Kira L93 è infatti un prodotto che vanta ben sette modalità di funzionamento: come notebook tradizionale, come tablet (staccando la tastiera) e come desktop, tenendo il display staccato dalla tastiera e usando il sostegno integrato per appoggiarlo al tavolo. Il tablet però si può anche appoggiare alla scrivania con la parte alta sollevata per usarlo come blocco per gli appunti e per disegnare, o lo si può girare a forma di "tenda" per la riproduzione di contenuti multimediali.

Soluzioni che abbiamo visto in varie combinazioni con diversi ibridi finora annunciati in Italia, ma mai tutte insieme. Anche la configurazione è interessante: schermo touchscreen da 13,3 pollici a 2560 x 1440 pixel, processori Intel Core i5-4210Y o Core i7-4610Y di classe Haswell, 8 GB di memoria RAM, unità di archiviazione SSD da 128 GB, tre connettori USB 2.0, uscita video micro HDMI, Wi-Fi a/b/g/n, Bluetooth 4.0 e Windows 8.1 a 64 bit. L'autonomia dovrebbe arrivare oltre le 10 ore, stando ai dati ufficiali.Il prezzo comprende anche gli altoparlanti integrati Harmon Kardon e la penna dual-digitizer. L'unico elemento stonato è il peso di 1,3 chilogrammi per il tablet, che salgono a 1,9 chili insieme alla tastiera, ma del resto parliamo di un prodotto da 13 pollici.

Difficile al momento capire se questi disegni e brevetti potranno davvero diventare realtà in un prossimo futuro. L'idea di Asus, ripresa da Google, ha sempre attirato e incuriosito ma vuoi per il prezzo eccessivo di un prodotto simile e vuoi per la praticità forse minore rispetto a prodotti separati, l'ibrido smartphone è Tablet/portatile non sembra aver fatto breccia nel mercato. Riuscirà Google a fare meglio? E ci sarà mai un'unificazione della piattaforma Chromebook con quella Android?Per l’estate è arrivato un nuovo utile prodotto GBC pensato apposta per le vacanze, che siano al mare, in montagna o verso qualsiasi altra meta. Si tratta di un caricabatteria portatile che si alimenta grazie all’energia solare. Non bisognerà più preoccuparsi di ricaricare il cellulare prima di andare in spiaggia, o di comprare nuove pile per la macchina fotografica durante la settimana di vacanze in montagna. Il caricabatteria, infatti, ha in dotazione cinque batterie mini stilo AAA da 550 mAh e una porta USB utile per tutti quei dispositivi come smartphone e tablet che si ricaricano tramite cavo.

GBC ha unito l’utilità di un caricabatterie universale alla praticità di un’energia sostenibile e a costo zero. In questo modo non ci saranno più limiti di batteria o di prese di corrente e ogni momento delle vacanze potrà essere immortalato e condiviso con gli amici. Il caricabatteria GBC è piccolo e compatto (168x108x28 mm), così da non occupare posto in valigia o nello zai...di Paolo Sirio Pubblicato giovedì, 22 maggio 2014

Take-Two ha registrato il marchio City Stories, che potrebbe essere collegato in qualche modo alla serie GTA.

Il nome, come leggiamo nella registrazione depositata dalla compagnia che possiede Rockstar Games, potrà essere utilizzato in "programmi e software per computer e videogiochi" e "programmi e software per computer e videogiochi scaricabili".

Generalmente, la denominazione City Stories è stata associata agli episodi portatili del franchise, come nel caso di GTA: Vice City Stories e GTA: Liberty City Stories. Ne consegue che, posto questa non sia una registrazione preventiva per salvaguardare il marchio, il nuovo progetto di Rockstar potrebbe essere diretto a PS Vita e/o Nintendo 3DS.

Gamespot suggerisce che potrebbe trattarsi di un DLC per GTA V, altra pista da non escludere a priori.A meno che non viviate da soli sulla cima di una montagna, senza pubblicità nella posta, televisione, cellulare e internet, anche voi fate parte della società dell’immagine. E lo so per certo, dal momento che state leggendo questo articolo. In Critica portatile al visual-design , di Riccardo Falcinelli (Einaudi), troverete tutto quello che c’è da sapere sui linguaggi visivi che ci circondano.
Ma cosa è “visual-design”? Dalla vostra carta d’identità al calendario appeso in cucina, dalla pubblicità alla moda, dal logo di una compagnia di fast-food alla confezione di una lattina di fagioli. Ogni cosa che sia stata progettata per rappresentare, mostrare (o nascondere), informare, raccontare e sedurre gruppi di persone all’interno della società di massa è visual design. E l’accento andrebbe posto soprattutto sulla parola “sedurre”. Dice giustamente Falcinelli: “al contrario del design in cui la forma segue la funzione, nel visual-design la forma segue l’intenzione”.
Per restare nel campo della seduzione, non si tratta solo del vestito di Valentino, per capirci, ma anche delle mutande: come tutti sappiamo, una mutanda veramente buona deve avere un buon elastico oltre a essere sexy, e questo il designer lo sa. E poi diversamente dal vestito di Valentino le mutande si indossano tutti i giorni. C’è più design nelle comuni mutande che in un vestito di alta moda.
L’equivoco più comune è considerare gli aspetti creativi del design (e soprattutto del visual-design) come propri dell’arte, mentre il design ha sì degli aspetti artistici, ma questi non costituiscono affatto la sua parte principale. La creatività, intesa come capacità di avere idee nuove per risolvere problemi, è propria dell’arte quanto della scienza e dell’industria e il fatto che di mezzo ci siano dei bei colori o delle forme armoniose non cambia la sostanza.
Solo quando creatività e ispirazione vengono incanalate nella progettazione di qualcosa che verrà prodotto in serie, confrontandosi con questioni pratiche come i materiali a disposizione, la sostenibilità economica, il contesto culturale, gli spazi e le condizioni di fruizione, possiamo parlare di design. Se avete ancora qualche dubbio c’è un modo molto semplice per distinguere un oggetto di design da un manufatto artistico: il primo è finito quando la procedura standard per produrlo viene portata a termine, il secondo Il funzionamento è molto semplice: disponiamo i pannelli solari sotto i raggi UV e verifichiamo tramite il LED di stato integrato se l’accessorio è pronto o meno a caricare il nostro dispositivo a costo zero!Tivoli Audio ha annunciato un nuovo modello di Music System, questa volta dedicato esplicitamente all'ascolto on the go. Il nuovo Music System Three perde infatti il lettore CD, ma acquista una batteria integrata che al pieno della carica offre un'autonomia di ben 20 ore di riproduzione. Il design è quello classico a cui ci ha abituati ormai da anni Tivoli Audio, pulito e piacevole, e il sistema è disponibile in versione "nuda" o con profili in legno aggiuntivi opzionali e acquistabili anche separatamente.

Per quanto riguarda le caratteristiche tecniche, il nuovo Music System Three è come di consueto dotato di radio tradizionale FM RDS/AM e per l'Europa anche di DAB e, come gli ultimi prodotti Tivoli, anche di connettività Bluetooth per il collegamento wireless di smartphone e tablet. Sul retro del Music System Three troviamo anche un alloggio appositamente studiato per appoggiare lo smartphone all'interno del sistema durante l'ascolto.

La sezione audio è costituita da due driver larga banda da 3 pollici con accordo reflex posteriore. Ritroviamo l'iconico display LCD azzurro sul frontale, l'antenna telescopica di un tempo, e il sistema offre anche funzione di radiosveglia con due allarmi indipendenti. Oltre alla connettività Bluetooth è possibile anche collegare sorgenti analogiche tramite il classico ingresso mini-jack stereo. Sul versante costi al momento abbiamo il prezzo per il mercato americano, 299 dollari tasse escluse.Oggi vedremo insieme la nostra recensione di D-Link DIR-510L con tecnologia Wi-Fi AC750, un router portatile che all’evenienza si trasforma anche in batteria d’emergenza. Come ci dimostra un social network come Flickr , ora più che mai produrre è fruire. La stragrande maggioranza degli utenti del sito non sono infatti fotografi professionisti che ricavano il proprio sostentamento dalla loro produzione, ma amatori che spendono tempo e risorse in corsi di fotografia, riviste e apparecchi all’avanguardia. È vero, producono anche molte immagini, spesso di buona qualità, ma è innegabile che per la maggior parte di loro il bilancio consumo-produzione sia in passivo. Dice giustamente Falcinelli: “produrreeconsumaresono oggi gli aspetti cruciali della comunicazione visiva, ancor prima del talento”. L’accento, insomma, più che sul “fare” andrebbe posto sul “veicolare” adeguatamente ciò che si è fatto.